Bagheria

COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA LOCALI PUBBLICO SPETTACOLO (C.C.V.L.P.S.)

A Seguito del DPR 311/2001 sono state ridisegnate le competenze delle Commissioni di Vigilanza in quanto parte di quelle gestite dalla Commissione PROVINCIALE sono ora assegnate alla Commissione COMUNALE. L'art. 4 del D.P.R. 28 maggio 2001 n. 311, modificando gli artt. 141 e 142 del R.D. 6.5.1940 n. 635, ha previsto l'istituzione di una Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo, per la concessione dell'agibilità di cui all'art. 80 delle Leggi di Pubblica Sicurezza, attribuendo alla medesima la competenza su alcuni locali - impianti, prima spettante alla Commissione Provinciale di Vigilanza Locali Pubblico Spettacolo, e precisamente:

- locali cinematografici o teatrali con capienza inferiore o pari a 1300 spettatori;

- spettacoli viaggianti con capienza inferiore o pari a 1300 spettatori;

- altri locali o impianti con capienza inferiore o pari a 5000 spettatori;

- parchi di divertimento e attrezzature da divertimento meccaniche o elettromeccaniche che comportino sollecitazioni fisiche degli spettatori o del pubblico partecipante ai giochi inferiore ai livelli indicati con decreto del Ministro dell'Interno, di concerto con il Ministro della Sanità.

L'art. 80 T.U.L.P.S. dispone che: "L'autorità di pubblica sicurezza non può concedere la licenza per l'apertura di un teatro o di un luogo di pubblico spettacolo, prima di aver fatto verificare da una commissione tecnica la solidità e la sicurezza dell'edificio e l'esistenza di uscite pienamente adatte a sgombrarlo prontamente nel caso di incendio". La norma, tuttora attuale, subordina l'effettuazione di trattenimenti e spettacoli al preventivo ottenimento della dichiarazione di agibilità dei locali/luoghi di pubblico spettacolo, cioè di quel documento che attesta le condizioni di solidità, sicurezza ed igiene di locali ed impianti.

I compiti della Commissione
La commissione comunale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo ha il compito di verificare le condizioni di solidità di sicurezza e di igiene dei luoghi sede di pubblico trattenimento e/o spettacolo, ai sensi e per gli effetti di cui all'art.80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, (ai fini del rilascio delle licenze di polizia amministrativa di cui agli art.68 e 69 del T.U.L.P.S.), attribuite alla competenza comunale in applicazione degli artt.141 e 141-bis del R.D. 06/05/1940 n.635 così come modificato dal DPR 311/01 e DPR 293/02, ed in particolare:
a) esprimere il parere sui progetti di nuovi teatri e di altri locali o impianti di pubblico spettacolo e trattenimento, o di sostanziali modificazioni a quelli esistenti;
b) verificare le condizioni di solidità, di sicurezza e di igiene dei locali stessi o degli impianti ed indicare le misure e le cautele ritenute necessarie sia nell'interesse dell'igiene che della prevenzione degli infortuni;
c) accertare la conformità alle disposizioni vigenti e la visibilità delle scritte e degli avvisi per il pubblico prescritti per la sicurezza e per l'incolumità pubblica;
d) accertare, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 8 gennaio 1998, n. 3, anche avvalendosi di personale tecnico di altre amministrazioni pubbliche, gli aspetti tecnici di sicurezza e di igiene al fine della iscrizione nell'elenco di cui all'articolo 4 della legge 18 marzo 1968, n. 337;
e) controllare con frequenza che vengano osservate le norme e le cautele imposte e che i meccanismi di sicurezza funzionino regolarmente, suggerendo all'autorità competente gli eventuali provvedimenti.
Pertanto, La Commissione è chiamata a svolgere funzioni di controllo sul grado di sicurezza, salubrità ed igiene delle "strutture" destinate allo svolgimento di spettacoli, intendendosi con tale termine ogni tipo di manufatto destinato ad accogliere gli organizzatori della manifestazione e gli spettatori, purché chiuso, ancorato al suolo con una certa stabilità, anche se itinerante ed amovibile. Pure la giurisprudenza conferma che sono luoghi di pubblico spettacolo solo gli edifici ed i luoghi all'aperto attrezzati con apposite strutture per lo stazionamento del pubblico e con impianti destinati allo svolgimento dell'intrattenimento.

Per i locali e gli impianti con capienza complessiva pari o inferiore a 200 persone con D.D. 2354 del 7 agosto 2007 del Dipartimento IV è sta recepita la Circolare n. 557/PAS.1412.13500.A del 27 luglio 2005 emanata dal Ministero dell'Interno Dipartimento di Pubblica Sicurezza, che ha chiarito in modo inequivocabile come la Commissione di Vigilanza debba esaminare i progetti dei locali e delle aree adibite a trattenimenti danzanti e di spettacolo anche se con capienza pari o inferiore alle duecento persone.  

 

  • stampa
  • pdf