Bagheria

Modello Unico Autocertificato (M.U.A.)

Il MODELLO UNICO AUTOCERTIFICATO (M.U.A.) viene utilizzato alternativamente per richiedere un'autorizzazione (Provvedimento Unico) o per una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) o per richiedere la convocazione della Conferenza di Servizi.
Inoltre deve essere utilizzato sia per la pratiche di natura edilizia, che per quelle relative all'esercizio dell'attività imprenditoriale, che per ogni adempimento accessorio da richiedere al SUAP. Il M.U.A. non deve essere presentato per la cessazione semplificata (per cui è sufficiente il modello C6 bis) e per alcuni modelli F.

Al Modello Unico devono essere allegate le schede necessarie, a seconda del tipo di intervento.

Le schede allegate sono suddivise in sei categorie:

 

A) Gli allegati contrassegnati con la lettera A costituiscono le dichiarazioni di conformità e le asseverazioni che devono essere rese da un tecnico abilitato. 

 

B) Gli allegati contrassegnati con la lettera B costituiscono le schede relative alla tipologia dell'attività imprenditoriale che si esercita o si intende esercitare. In esse devono essere riportate tutte le informazioni specifiche riguardanti l'impresa, indipendentemente dal tipo di intervento che si intende realizzare.



C) Gli allegati contrassegnati con la lettera C costituiscono le schede relative alla tipologia di intervento sotto l'aspetto produttivo (avvio nuova attività, subingresso, trasferimento, variazioni, ecc.), indipendentemente dalla tipologia dell'attività produttiva stessa. Esse saranno sempre abbinate alla corrispondente scheda B, per un inquadramento complessivo dell'intervento. Fa eccezione il modello C6 bis, che va presentato da solo.


D) Gli allegati contrassegnati con la lettera D costituiscono le schede relative alle dichiarazioni sul possesso dei requisiti morali e professionali necessari per le diverse tipologie di attività. Esse andranno di volta in volta abbinate alle corrispondenti schede B e C, secondo le modalità indicate nelle schede stesse. In particolare, il modello D3 (requisiti antimafia) dovrà essere abbinato obbligatoriamente a tutte le schede B.

 

E) Gli allegati contrassegnati con la lettera E costituiscono schede relative ad adempimenti accessori riguardanti le diverse tipologie di impresa. Fra esse troviamo la notifica igienico- sanitaria per alimenti, le dichiarazioni per la vendita di particolari prodotti (merci usate, oggetti da punta e da taglio, farmaci da banco, ecc.), la vendita di prodotti soggetti ad accisa e le attività comportanti emissioni in atmosfera poco significative.

 

F) I modelli contrassegnati con la lettera F costituiscono schede relative ad altre informazioni connesse con la pratica. Ad esempio, il modello F3 la comunicazione di inizio e fine dei lavori edilizi, ecc.. Alcuni fra i moduli F costituiscono modelli a sé stanti, che non necessitano pertanto di essere presentati in allegato al M.U.A..

La pratica deve essere obbligatoriamente firmata digitalmente e trasmessa  tramite il Portale SUAPC. I documenti devono essere sottoscritti digitalmente da tutti i soggetti che hanno sottoscritto i corrispondenti cartacei (Intestatario, eventuali co-intestatari, eventuali tecnici). Non è prevista la trasmissione di documenti cartacei tranne che nei casi in cui il S.U.A.P., per una maggiore velocizzazione del procedimento e/o per ragioni di economicità, ritenga necessario acquisire copie cartacee di elaborati o certificazioni. La presentazione di documenti cartacei è ammessa, inoltre, nei casi espressamente previsti dalla legge. Nel caso in cui l'impresa risulti sprovvista di posta certificata e/o firma digitale, si fare ricorso all'istituto della procura (Modulo F7). In tal caso, il procuratore deve provvedere ad apporre la propria firma digitale su tutti i moduli che avrebbe dovuto firmare l'impresa. La pratica sarà ritenuta ricevibile solo nel rispetto della procedura descritta nel citato Modulo F7.

 

Tutti i documenti in formato digitale devono essere inoltrati tramite caricamento degli stessi sul portale del SUAPC.
I documenti dovranno essere obbligatoriamente presentati in formato pdf. Dopo avere compilato digitalemente i modelli editabili occorre trasformarli in formato pdf.

Tutti gli elaborati grafici di progetto dovranno inoltre essere presentati, oltre che in formato pdf, anche in formato dwf ed eventualmente, in aggiunta, in formato dwg/dxf o compatibile.

 

 

  • stampa
  • pdf